Europa Cristiana

Europa Cristiana



La Croce è il logo dell’Europa

Martin Kugler

 

Quando il Cardinale König di Vienna nel 1960 si svegliava da un coma a causa di un incidente stradale grave nella Jugoslavia di allora, ha intravvisto sul muro una foto di Tito. Per il giovane arcivescovo fu un’esperienza che dette inizio ad un processo interiore che lo condusse ad una speciale solidarietà con i cristiani nei paesi comunisti. Per noi questa situazione può essere un aiuto per eliminare un fraintendimento con cui oggi si fa politica in Europa. Si tratta della falsa credenza che la vera libertà di religione esiste soltanto quando una società è libera dalla religione. Detto più diplomaticamente: il laicismo è il modo adeguato per lo Stato di esprimere la sua neutralità. Questo malinteso – adesso espresso tramite il giudizio della Corte Europea – si basa su due assunzioni che facilmente si possono confutare in un discorso libero da pregiudizi.

L'Europa non sarebbe più Europa senza il matrimonio tra un uomo e una donna

Radio Vaticana

Il matrimonio e la famiglia costituiscono un fondamento decisivo per un sano sviluppo della società civile, dei Paesi e dei popoli. Il matrimonio come forma di ordinamento basilare del rapporto tra uomo e donna e, allo stesso tempo, come cellula fondante della comunità statale è venuta plasmandosi anche a partire dalla fede biblica.

Stato e religione, famiglia e media, nel discorso del Papa al nuovo ambasciatore di Germania

Dio, famiglia, biotecnologie e media: sono i punti centrali del discorso che il Papa ha rivolto al nuovo ambasciatore straordinario e plenipotenziario della Repubblica Federale di Germania presso la Santa Sede. Benedetto XVI ha parlato di un impegno del Governo federale ad intervenire “in modo compensatore e rappacificante” in casi di confusione dei media.

 

Il Papa all’ambasciatore croato: di moda le amnesie sulle radici cristiane dell’Europa

Radio Vaticana

La valorizzazione del patrimonio cristiano dell’Europa è stato il tema forte del discorso di Benedetto XVI all’ambasciatore di Croazia, Filip Vučak, ricevuto in Vaticano per la presentazione delle Lettere Credenziali.

Il Papa: non cessare di portare Cristo a quanti ancora non lo conoscono

“La missione è un dovere, cui bisogna rispondere: ‘Guai a me se non evangelizzo’ (1 Cor 9, 16).

"Misericordia e bontà vincono lo smarrimento delle coscienze"

Radio Vaticana

All’udienza generale, in Piazza San Pietro, Benedetto XVI ha dedicato la sua catechesi alla popolare figura di Sant’Alfonso Maria de’ Liguori, luminoso testimone della carità, vissuto a Napoli nel XVIII secolo.

Il Papa alla Curia Romana: volto della Chiesa sfigurato dalle colpe dei sacerdoti. Apello a fermare la cristianofobia

Radio Vaticana

Come nel periodo del tramonto dell’Impero romano anche oggi, rileva Benedetto XVI, il mondo è angustiato, insicuro. C’è l’impressione, afferma, che “il consenso morale si stia dissolvendo, un consenso senza il quale le strutture giuridiche e politiche non funzionano”.

Il patriarca Scola sulla visita del Papa a Venezia: è andata al di là di ogni aspettativa

Radio Vaticana

La visita pastorale del Papa ad Aquileia e Venezia è stata breve ma molto intensa: ascoltiamo in proposito il bilancio del patriarca di Venezia, il cardinale Angelo Scola, al microfono di Sergio Centofanti:

Il Papa all’Università cattolica: la visione cristiana non si contrappone alla scienza e alle conquiste dell’ingegno umano

Radio Vaticana

“L’Università Cattolica è chiamata ad essere luogo in cui prende forma di eccellenza quell’apertura al sapere, quella passione per la verità, quell’interesse per la storia dell’uomo che caratterizzano l’autentica spiritualità cristiana”.

Annunciare Cristo in modo nuovo all'uomo secolarizzato di oggi: così il Papa al dicastero della nuova evangelizzazione

Radio Vaticana

L'attuale società secolarizzata ha bisogno di nuovi evangelizzatori, capaci di annunciare la Parola di Dio in modo nuovo per toccare il cuore dell'uomo di oggi, "spesso distratto e insensibile":

Il Papa all'udienza generale: l'uomo vinca la tentazione di costruirsi un "dio" secondo i propri schemi

Radio Vaticana

L’episodio del “vitello d’oro” raccontato nel Libro dell’Esodo è stato il filo conduttore dell’udienza generale, presieduta da Benedetto XVI in Piazza San Pietro davanti a 20 mila persone.

Parla un musulmano convertito a Cristo

Bernardo Celvellera/AsiaNews

Facendosi riprendere da una TV a pieno viso - col rischio di essere riconosciuto e perseguito per "apostasia" - Mohammed Christophe riafferma il valore della conversione e del battesimo. Ma diversi vescovi e sacerdoti nei Paesi a maggioranza islamica rifiutano il battesimo ai musulmani che vogliono diventare cristiani. Eppure convertirsi significa una rivoluzione nel rapporto con Dio che è Padre; con Gesù che mi dona la sua vita; abbandonando tutto a rischio di persecuzione e di morte per apostasia.

 

Copyright © Wydawnictwo Agape Sp. z o.o. ul. Panny Marii 4, 60-962 Poznań, tel./ fax: 61/ 852 32 82 | tel. 61/ 647 26 86